Détails

Couteau à ressort avec une ligne très caractéristique, représentative de la civilisation paysanne et pastorale des vallées de Bergame où il était fabriqué avec un manche en bois. Pratique et léger, dans sa simplicité, il est l'un des plus beaux couteaux de la tradition italienne et a longtemps été apprécié bien en dehors de sa zone d'origine. Il est proposé par Consiglio dans une version raffinée, un modèle à pointe de corne avec une bande en laiton poli.

Type de production: artisan

Production de lama: Italie
Lame: acier inoxydable X50CrMoV15
Traitement de la lame: -
Manche: corne bovine
Longueur de lame: 90 mm.
Épaisseur de lame: 2,5 mm.
Longueur fermée: 110 mm.
Longueur totale: 200 mm.
Poids: 70g.
Fermeture: sans ressort
Emballage: boîte élégante avec logos Recommandations
Gaine: étui en tissu

L'artisanat est beau car il est varié

Les couleurs des matériaux avec lesquels les produits faits à la main sont fabriqués peuvent différer de celles montrées sur les images.

La corne, le bois et la cornotech sont des matières premières qui par leur nature ont une variabilité marquée d'un approvisionnement à l'autre: c'est la beauté des matériaux de qualité. Ajoutez l'artisanat, où la main de l'artisan ne fait jamais le même geste: c'est la beauté de l'artisanat. Combinez tout cela et vous aurez toujours un produit différent et unique. Il est toujours différent du produit unique et irremplaçable que nous devons nécessairement photographier si nous voulons que vous compreniez de quoi nous parlons et de ce que nous vous proposons.

- Guarda tutti i prodotti Consigli in questo link: Consigli

Profilo Aziendale

Dai tempi del fondo Pasinetti, sono passati più o meno cinquant’anni. Si chiamava così il luogo di via Magenta, nel centro di Scarperia, dove i fratelli Consigli aprirono la loro attività.

Luigi, allora poco più che ventenne ed Enrico, di pochi anni più giovane, si dedicavano alla produzione di coltelli già da diversi anni ma sotto padrone, come si usava dire allora, in quella stessa ditta nella quale il loro babbo, fin dai primi anni del ‘900 si dedicava alla forgiatura e alla realizzazione di coltelli pattada e di coltelli da innesto.
Alla metà del secolo scorso, mentre i giovani se ne andavano dagli splendidi ma avari paesaggi del verde Mugello per cercare migliori opportunità nella vicina Firenze, i fratelli Consigli e il loro amico Marcello Azzini, unirono le loro forze e le prime lettere dei loro cognomi dando vita alla Conaz. Il fondo Pasinetti, con una forgia, un bilanciere a mano per tranciare l’acciaio e persino un forno a carbone per temperare, fu il loro primo teatro.

Intorno alla metà degli anni ’60, per far fronte alle consistenti richieste provenienti dal mercato sardo, la Conaz iniziò a differenziare la produzione.

Da un lato, coltelli robusti e pratici (con finiture anche rivoluzionarie per l’epoca) e dall’altro lato modelli assai pregevoli, come il pattada in corno lucido con lama lucidata a specchio, che si otteneva mescolando colla e smeriglio finissimo (con un’operazione detta del caricar la rota). Già allora, mentre si cavalcava la nuova tendenza generata dal boom delle materie plastiche, si serbava con cura un modo di far coltelli che si capiva sarebbe andato scomparendo e che necessitava quindi di essere custodito gelosamente.

Il corno lucido fu il segno distintivo di una qualità superiore; per plasmare il corno si iniziò ad utilizzare il fuoco al posto della paraffina, ottenendo così un effetto di compattamento degli strati che lo compongono e riducendo la possibilità di sfaldamento che è all’origine dei difetti dei manici.

Passavano gli anni; la tempera ad aria, ottenuta spargendo le lame sul pavimento freddo, lasciò il posto alla tempera ad olio, più pratica e più accurata.
Gli antichi metodi di lavorazione venivano tramandati con attenzione ma con un numero di modelli tutto sommato limitato.

Il risveglio d’interesse per le radici più autentiche dell’arte antica dei ferri taglienti, dette agli artigiani della Conaz la spinta per estendere il loro repertorio attingendo a piene mani alla tradizione scarperiese più viva. Il fiorentino, il senese, il maremmano, il rasolino, i modelli che li hanno resi celebri e che oggi sono il vanto di tanti appassionati e collezionisti, erano ormai una realtà.

Attualmente, accanto alla produzione dei modelli tipici italiani, sintesi perfetta di tradizione, tecnica, eleganza e ricercatezza, si affianca la coltelleria da tavola e da cucina finemente rifinita che impiega materiali nobili come il corno bovino, il corno di bufalo e l’olivo. Il totale impegno della famiglia Consigli è rivolto alla valorizzazione del lavoro artigianale, al mantenimento dei valori di manualità e tradizione e alla continua opera di diffusione degli elementi che possano far apprezzare tali oggetti. Oggi che Luigi Consigli ha raggiunto il meritato pensionamento, Enrico è affiancato dai figli Elena e Pietro. A loro è affidato il compito di custodire la centenaria tradizione artigianale di famiglia per dare nuovo impulso agli ideali dai quali, mezzo secolo fa, nel fondo Pasinetti, nacque la Conaz.

Conaz Consigli Scarperia - Couteau Bergamasco corne de bœuf foncé - 50002 - couteau

199,99
En rupture de stock:  Il ne reste que 0
En rupture de stock. 
Il ne reste que 0
SKU
50002

contact us:
contact us by Whatsapp Coltelleria Collini - Italy - physical stores contact us by e-mail

Détails

Couteau à ressort avec une ligne très caractéristique, représentative de la civilisation paysanne et pastorale des vallées de Bergame où il était fabriqué avec un manche en bois. Pratique et léger, dans sa simplicité, il est l'un des plus beaux couteaux de la tradition italienne et a longtemps été apprécié bien en dehors de sa zone d'origine. Il est proposé par Consiglio dans une version raffinée, un modèle à pointe de corne avec une bande en laiton poli.

Type de production: artisan

Production de lama: Italie
Lame: acier inoxydable X50CrMoV15
Traitement de la lame: -
Manche: corne bovine
Longueur de lame: 90 mm.
Épaisseur de lame: 2,5 mm.
Longueur fermée: 110 mm.
Longueur totale: 200 mm.
Poids: 70g.
Fermeture: sans ressort
Emballage: boîte élégante avec logos Recommandations
Gaine: étui en tissu

L'artisanat est beau car il est varié

Les couleurs des matériaux avec lesquels les produits faits à la main sont fabriqués peuvent différer de celles montrées sur les images.

La corne, le bois et la cornotech sont des matières premières qui par leur nature ont une variabilité marquée d'un approvisionnement à l'autre: c'est la beauté des matériaux de qualité. Ajoutez l'artisanat, où la main de l'artisan ne fait jamais le même geste: c'est la beauté de l'artisanat. Combinez tout cela et vous aurez toujours un produit différent et unique. Il est toujours différent du produit unique et irremplaçable que nous devons nécessairement photographier si nous voulons que vous compreniez de quoi nous parlons et de ce que nous vous proposons.

- Guarda tutti i prodotti Consigli in questo link: Consigli

Profilo Aziendale

Dai tempi del fondo Pasinetti, sono passati più o meno cinquant’anni. Si chiamava così il luogo di via Magenta, nel centro di Scarperia, dove i fratelli Consigli aprirono la loro attività.

Luigi, allora poco più che ventenne ed Enrico, di pochi anni più giovane, si dedicavano alla produzione di coltelli già da diversi anni ma sotto padrone, come si usava dire allora, in quella stessa ditta nella quale il loro babbo, fin dai primi anni del ‘900 si dedicava alla forgiatura e alla realizzazione di coltelli pattada e di coltelli da innesto.
Alla metà del secolo scorso, mentre i giovani se ne andavano dagli splendidi ma avari paesaggi del verde Mugello per cercare migliori opportunità nella vicina Firenze, i fratelli Consigli e il loro amico Marcello Azzini, unirono le loro forze e le prime lettere dei loro cognomi dando vita alla Conaz. Il fondo Pasinetti, con una forgia, un bilanciere a mano per tranciare l’acciaio e persino un forno a carbone per temperare, fu il loro primo teatro.

Intorno alla metà degli anni ’60, per far fronte alle consistenti richieste provenienti dal mercato sardo, la Conaz iniziò a differenziare la produzione.

Da un lato, coltelli robusti e pratici (con finiture anche rivoluzionarie per l’epoca) e dall’altro lato modelli assai pregevoli, come il pattada in corno lucido con lama lucidata a specchio, che si otteneva mescolando colla e smeriglio finissimo (con un’operazione detta del caricar la rota). Già allora, mentre si cavalcava la nuova tendenza generata dal boom delle materie plastiche, si serbava con cura un modo di far coltelli che si capiva sarebbe andato scomparendo e che necessitava quindi di essere custodito gelosamente.

Il corno lucido fu il segno distintivo di una qualità superiore; per plasmare il corno si iniziò ad utilizzare il fuoco al posto della paraffina, ottenendo così un effetto di compattamento degli strati che lo compongono e riducendo la possibilità di sfaldamento che è all’origine dei difetti dei manici.

Passavano gli anni; la tempera ad aria, ottenuta spargendo le lame sul pavimento freddo, lasciò il posto alla tempera ad olio, più pratica e più accurata.
Gli antichi metodi di lavorazione venivano tramandati con attenzione ma con un numero di modelli tutto sommato limitato.

Il risveglio d’interesse per le radici più autentiche dell’arte antica dei ferri taglienti, dette agli artigiani della Conaz la spinta per estendere il loro repertorio attingendo a piene mani alla tradizione scarperiese più viva. Il fiorentino, il senese, il maremmano, il rasolino, i modelli che li hanno resi celebri e che oggi sono il vanto di tanti appassionati e collezionisti, erano ormai una realtà.

Attualmente, accanto alla produzione dei modelli tipici italiani, sintesi perfetta di tradizione, tecnica, eleganza e ricercatezza, si affianca la coltelleria da tavola e da cucina finemente rifinita che impiega materiali nobili come il corno bovino, il corno di bufalo e l’olivo. Il totale impegno della famiglia Consigli è rivolto alla valorizzazione del lavoro artigianale, al mantenimento dei valori di manualità e tradizione e alla continua opera di diffusione degli elementi che possano far apprezzare tali oggetti. Oggi che Luigi Consigli ha raggiunto il meritato pensionamento, Enrico è affiancato dai figli Elena e Pietro. A loro è affidato il compito di custodire la centenaria tradizione artigianale di famiglia per dare nuovo impulso agli ideali dai quali, mezzo secolo fa, nel fondo Pasinetti, nacque la Conaz.

Informations complémentaires

Plus d’information
MarqueConsigli
Pays de productionItaly
Type De LamePliage
Longueur De La Lame9/10cm
affûtagePlaine
Lame PointeClip point
Epaisseur De La Lame3 mm
Traitement De SurfaceSatin / Stonewashed
Acier inoxydable420
Matière De La PoignéeNaturel
couleurnoir
Type De Bloc/
Système d'ouvertureà deux mains
Matériaux et finitions7
Qualité de l'acier6
Robustesse6,5
Pratique6,5
Esthétique7
Qualité / Prix7
Vous pourriez aussi être intéressé par
Rédigez votre propre commentaire
Vous commentez :Conaz Consigli Scarperia - Couteau Bergamasco corne de bœuf foncé - 50002 - couteau
Votre évaluation




ecommerce sicuro